Licata

In provincia di Agrigento, sulla costa meridionale si trova Licata, splendente cittadina siciliana.
La traccia del passaggio delle varie popolazioni del Mediterraneo è visibile sia in ambito artistico che in ambito storico.
Le testimonianze archeologiche nel comune di Licata sono tante. Ad esempio vi sono i resti preistorici del cimitero di Monte di Petrulla, o l’ipogeo di Stagnone Pontillo. Di origine greca invece i resti del Fortino di Falaride (antico tiranno locale).
Molti pezzi importanti, trovati durante gli scavi nei vari siti archeologici della città, oggi sono conservati nel museo cittadino, allestito nel chiostro della Badia.
Per preservare la costa dalle invasioni dei popoli del mare fu edificato, dai Borboni nel 1640, Castello Sant’Angelo, che venne purtroppo bombardato durante la Seconda Guerra Mondiale e poi restaurato successivamente. Oggi ospita un museo.
Monumento importante è il faro di Licata, il terzo più alto d’Italia.
Di origine rinascimentale, la chiesa di Santa Maria Nuova è un ottimo esempio di chiesa a tre navate in stile barocco. Altro edificio di notevole bellezza è la chiesa di Sant’Agostino, costruita nel 1611 dall’omonima confraternita. É in stile neoclassico ed è sede del simulacro ligneo della Madonna Addolorata, databile attorno al 1700. Si narra che in seguito ad un naufragio, gli abitanti, trovata la statua, si fecero carico di custodirla per sempre, dopo aver ricevuto il permesso del capitano della nave naufragata.
Il territorio di Licata è dotato di circa 20 km di costa molto eterogenea, caratterizzata dall’alternanza di ampie spiagge sabbiose ad est della città, di alte scogliere, insenature, promontori, spiagge di ciotoli e tratti sabbiosi ad ovest.

Experience Scopri Butera
Special Offers & Last minute